Nel giorno del fatidico sì è meglio andare sul sicuro con un beauty look acqua e sapone, o stupire con un make up ricco ed elaborato? Come spesso accade, "la virtù sta nel mezzo": indipendentemente da quali siano le abitudini quotidiane della futura sposa - dal fatto che detesti truccarsi o che..

al contrario, ami sperimentare davanti allo specchio con pennelli e colori - il make up per il giorno del sì deve essere abbastanza appariscente da far brillare la sposa sopra tutti, ma al tempo stesso mai sopra le righe, nel segno della raffinatezza che dovrebbe contraddistinguere ogni sposa.

La preparazione della pelle è fondamentale: la futura sposa dovrebbe provvedere per tempo a neutralizzare imperfezioni e discromie con trattamenti mirati e con una rigorosa routine domiciliare, arrivando al grande giorno con una pelle sana, idratata e pronta a essere valorizzata dal make up.
Se la cliente avrà eseguito sempre la SKIN ROUTINE consigliata, la pelle del viso non dovrebbe avere bisogno di grandi correzioni il giorno del matrimonio. In questo caso  si potrà optare per una base resistente ma naturale, in grado di fondersi perfettamente con la carnagione del viso: la prova trucco in questo senso è fondamentale, soprattutto per chi non ha l'abitudine di utilizzare quotidianamente il fondotinta, perché permette di individuare con un buon margine di certezza e senza sorprese la tonalità più adeguata.

Occhi E Labbra: La Giusta Enfasi
In fatto di trucco occhi e labbra, la regola generale è sempre la stessa: se si sceglie di enfatizzare molto i primi è bene "caricare" un po' di meno le seconde - e viceversa. Questo vale, a maggior ragione, in un look da matrimonio: come abbiamo detto, la missione del truccatore è trovare il giusto equilibrio tra "vistoso" ed "elegante", dosando colori e finish in modo da esaltare la naturale bellezza della sposa. In questo, visagisti e Make Up Artist sono agevolati delle tendenze del momento: il nude look, che abbiamo visto tra i top trend per la manicure della sposa, impazza anche nel make up, con gli occhi esaltati da tonalità rosate o color bronzo e labbra naturalissime, illuminate solo da un velo di gloss. Meglio evitare, invece, i rossetti matt: l'effetto opaco, per quanto trendy, tende a evidenziare ogni imperfezione e potrebbe rivelarsi una scelta inadeguata in una giornata lunga e piena come quella delle nozze. Sottolineare lo sguardo è doveroso quando si trucca una sposa: il make up deve essere studiato in modo da valorizzare al massimo la forma e il colore degli occhi, con un effetto che sia altrettanto glam dal vivo e in fotografia. L'eyeliner è dunque d'obbligo, così come un buon mascara waterproof "a prova di lacrima"! Ciglia voluminose e perfettamente incurvate possono davvero fare la differenza, anche e soprattutto quando il make up occhi è minimal. Se nel tuo istituto proponi servizi di lash extension - o collabori con una professionista di questa arte - proponi alla futura sposa questa soluzione: può fare veri miracoli, specie in caso di ciglia naturali poco folte!

 

Come si pianifica un make up da sposa?
La prima prova trucco dovrebbe essere fissata circa 2-3 mesi prima della data del matrimonio, possibilmente quando la sposa ha già scelto il vestito, i fiori per il bouquet e le decorazioni dei tavoli. Meglio ancora se anche lo sposo ha già scelto il suo outfit! Questo perché tutte le tonalità coinvolte nel matrimonio dovrebbero riflettersi nel make up della sposa, in modo da renderla sempre perfettamente in armonia con tutto ciò che la circonderà.

Può avere senso che il truccatore accompagni la sposa durante il servizio fotografico?
Assolutamente sì! L'album di nozze è la cosa più tangibile che alla sposa rimarrà dopo il grande giorno, così come il filmino del matrimonio: è soprattutto durante scatti fotografici e riprese video, quindi, che il trucco deve essere perfetto. Se il truccatore è presente, può ritoccarlo in qualsiasi momento, rendendolo perfetto per essere immortalato.

Spesso capelli e trucco non vengono realizzati dalla stessa persona, ma da professionisti diversi: come fare per evitare di "pestarsi i piedi" a vicenda?
A mio avviso è preferibile che venga realizzata prima l'acconciatura, e in seguito il make up. Spesso il giorno del matrimonio si devono acconciare e truccare anche altre persone oltre la sposa, come la madre o le testimoni: se Make Up Artist e Hairstylist si alternano tra le varie clienti, potranno entrambi lavorare con efficienza e puntualità.

In linea di massima, a quante persone ci si riesce a dedicare il giorno del matrimonio?
In linea generale, possiamo calcolare circa un'ora per il make up della sposa e mezz'ora a testa per ogni altra persona. Per quanto riguarda l'acconciatura, il tempo varia a seconda di quanto questa è elaborata: in media servono da un'ora e mezza a due ore; per le altre invitate, è bene preventivare circa un’ora a testa, ma anche in questo caso bisogna tenere presente fattori come la lunghezza dei capelli e lo styling richiesto.

FONTE: BEAUTYFORUM